Liceo Ginnasio Statale "Aristosseno"
ad indirizzo classico,scientifico,linguistico   e sezioni linguistico e scientifico
internazionale ad opzione francese

la fenice

Taranto

08:25
ven 28 aprile 2017

 Home

  

Siti in lingue estere:    English Pages   Site Français   Sitio Español   Deutsche Seiten    

ARCHIVIO DIDATTICO AUTOVALUTAZIONE LO JONIO CULTURA DEL TERRITORIO EVENTI P.O.F.  SPORTELLO EUROPA CLIL ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO AGORA' STUDENTI

  Home
  P.T.O.F. 2016/19
  Criteri di attribuzione del voto di condotta
  Piano di Miglioramento
  Animatore Digitale
  Libri di testo 2016/17
  Patto di Corresponsabilità
  Il logo del Liceo
  Amministrazione Trasparente
  Regolamento d'Istituto
  Privacy policy del sito e uso dei cookies
  Catalogo biblioteca
  Site Français  
  English Pages    
  Sitio Español
  Deutsche Seiten  
  Credits



CORSI E ESAMI NUOVA ECDL
per interni e esterni


Alliance Francaise di Taranto





Brochure del Liceo


chi era Aristosseno


Il vero amore del bello Print E-mail
31 ago 2010

"Diceva Aristosseno che il vero amore del bello sta nelle attività pratiche e nelle scienze; perché l’amare e il voler bene hanno inizio dalle buone usanze e occupazioni, così come, nelle scienze ed esperienze, quelle buone ed oneste amano davvero il bello; mentre ciò che dai più è detto amore del bello, cioè quello che si manifesta nelle necessità e nei bisogni della vita è, se mai, la spoglia del vero amore."
Stobeo (Florilegi III, 1, 101)

Aristosseno (fine IV sec. inizio III sec. a.C.)


“Figlio di Mnesias, quello chiamato anche Spintharos, musico, di Taranto, in Italia. Soggiornò a Mantinea, fu filosofo e dedicatosi alla musica riuscì bene: fu discepolo del padre e di Lampros di Erythrai, poi di Senofilo il pitagorico e infine di Aristotele….. Fiorì al tempo di Alessandro e dei suoi successori, ossia a partire dalla 111a Olimpiade. ….Compose opere di musica e di filosofia, di storia e di erudizione di vario genere. E si contano i suoi libri fino al numero di 453.”
Nacque quindi a Taranto verso la metà del IV sec. a.C Del padre, Spintharos, si sa che era un profondo conoscitore della musica e che fu lui ad avviarne Aristosseno allo studio; che fu anch’egli tarantino e che trascorse buona parte della sua vita in Grecia, ad Atene, dove ebbe modo di conoscere personalmente Socrate, e Tebe. Delle moltissime opere di Aristosseno di cui possediamo i titoli, due sono state parzialmente conservate e sono gli "Elementi di armonia" e gli "Elementi ritmici", nelle quali Aristosseno espone e sistema gli elementi della teoria musicale greca. Aristosseno riconobbe la funzione fondamentale della memoria nella intelligenza della musica, come risulta da un paragrafo degli "Elementi di armonia": "Di queste due cose, invero, la musica è coesistenza: sensazione e memoria. Bisogna infatti sentire ciò che accade e ricordare ciò che è accaduto".

Le notizie su Aristosseno sono tratte dalla monografia di Amedeo Visconti:”Aristosseno di Taranto, biografia e formazione spirituale” edita dal Centre Jean Bérard

 

 

notizie sulla scuola
VIALE VIRGILIO 15
74123 TARANTO
vedi posizione su Google Maps
Telefono/Fax: 0994534895
SITO WEB:
www.liceoaristosseno.gov.it
indirizzi e-mail
:
tapc070005@istruzione.it
posta certificata:  tapc070005@pec.istruzione.it
Codice Meccanografico: TAPC070005
Dirigente Scolastico:
prof. SALVATORE MARZO

D.S.G.A: Sig. Biagio Pupino


ai sensi del D.Lgs. n° 33/2013 e relativa delibera ANAC n° 430/2016






webmaster e animatore digitale
prof. Giacomo De Florio
(cliccare qui per inviare una email)


credits

Tutto quello che è presente in questo sito (testi,immagini,loghi, disegni, ecc.) è proprietà dei rispettivi autori e del Liceo Ginnasio Statale "Aristosseno". Le opinioni espresse negli articoli appartengono ai rispettivi autori i quali se ne assumono tutte le responsabilità.
Risoluzione consigliata:1024 x 768