Alessandra nel suo ultimo giorno di scuola.

La scuola del cuore

Alessandra Caso, classe 2000, nel 2019 ha conseguito presso la nostra scuola il diploma di Liceo Linguistico. Da Settembre vive a Lecce, dove studia Scienze dell’educazione sociale.
Ha scritto a La Fenice per raccontare il suo personale ricordo del Liceo Aristosseno.

Dopo quasi un anno dalla fine del mio percorso scolastico mi ritrovo qui a scrivere, con il cuore in mano, al mio amato Aristosseno.
Il liceo è la cosa più bella del mondo ed è vero che non si capisce pienamente fino a quando tutto questo non diventa solo un ricordo e ti ritrovi con altre trecento persone in un’aula universitaria, con professori che ti danno del Lei.

Questi anni per me sono stati come un viaggio in treno, in cui prima di tutto sono salita io, poi, fermata dopo fermata, sono salite altre persone… Prima  è salita la mia storica compagna di banco, quella che tra alti e bassi è sempre stata al mio fianco e con la quale siamo cresciute insieme tra studio, chiacchierate nei corridoi, caffè e notti insonni.

Alessandra con le compagne (da sinistra) Camilla Mongillo, Emanuela Caffio, Roberta Castellano (Giugno 2019).

Poi sono saliti i compagni che hanno sopportato le mie ansie, le mie paure e i miei pianti non facendomi sentire mai, neanche per un solo secondo, inferiore o sola… ventiquattro persone stupende, ognuna con un carattere diverso, che dopo tutti questi anni posso chiamare famiglia, una famiglia che mi ha fatta sentire speciale per come sono.
Se ripenso alle preghiere prima di un compito, alle imitazioni, agli sguardi complici, alle corse per i posti, la notte prima degli esami, se ripenso a Noi mi viene un sorriso naturale, un po’ malinconico.

La 5^ O di Alessandra in gita a Roma (marzo 2018).

Di questo viaggio hanno fatto parte anche i professori i quali , in tutti questi anni, hanno avuto non pochi “fischi d’orecchio”, ma ai quali devo molto, gran parte di quello che sono oggi.
Non avrei potuto desiderare formazione migliore, prima di tutto a livello umano: dietro ogni rimprovero, ogni insufficienza, c’era un insegnamento per noi che oggi ci troviamo ad affrontare questo mondo incerto che non regala nulla. Alcuni di loro mi sono entrati dentro e non li scorderò mai, affronteranno il viaggio con me ancora per molto tempo.

Sono salita senza una strada ben precisa che mi appartenesse e che sentissi mia, un treno senza destinazione ma… più passavano gli anni, più sentivo un cambiamento in me e solo dopo aver varcato per l’ultima volta la porta principale di quella scuola, ho capito quanto questi anni avessero influito sulla mia persona.
Sono uscita da questo treno affrontando una delle sfide più grandi, la maturità che rifarei altre mille volte, il periodo più bello, pauroso, ansioso, magico e pieno di vita di  questi cinque anni. Scendo da questo treno con le lacrime agli occhi e un pezzo di cuore in meno.. il biglietto di questo viaggio rappresenterà per sempre il più bel ricordo della mia vita.
Grazie Ari…!

Alessandra Caso

Alessandra all’uscita di scuola dopo l’orale dell’Esame di Stato (8 Luglio 2019).
Si ringrazia l'autrice per le foto gentilmente messe a disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fenice day by day

Giugno 2020
L M M G V S D
« Mag   Lug »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930